Namasté, Garam Masala Deluxe

beatles-at-rishikesh

Garam Masala Deluxe,

di quella volta in cui avevo perso la fede…

 

garam masalaCosa: Spezie indiane

Nome: Garam Masala Deluxe

Dove: Lidl

Voto: 4/5

Che per quanto si possa amare il meraviglioso mondo dei discount, ogni tanto ho voglia di concedermi il guilty-pleasure di entrare in un supermercato se non addirittura, in un un iper-mercato, come l’Iper Belforte a Varese dove di recente hanno inaugurato un posto meraviglioso dove riesco a trovare parecchi abiti neri e neutri a prezzi popolari. Il posto in questione di chiama Terranova ed ha colmato nel mio cuoricino, il vuoto lasciato dall’H&M che adesso sembra un negozio dell’usato che sorveglia i cimiteri e legge i necrologi, per poi insinuarsi nelle case delle defunte e fornirsi dagli armadi carichi di naftalina, grandi vestiti fiorati da cartomante vagamente sixty, pullover e cardigan beige e oro e scarpe basse da insegnante di religione. Fanculo l’H&M che ha riempito di righe orizzontali e ballerine un’intera generazione di universitarie, inaugurando così quella brutta moda da marinaretta-maschietta, brava ragazza, priva di sensualità e personalità.

Ma basta parlare di moda. Sono la persona meno adatta a farlo. Il mio concetto di eleganza è costituito dalla sacra combinazione anfibio-leggins-gonna di simil jeans nera e t-shirt di qualche gruppo. Non faccio testo. Uso i vestiti fino a quando non si lacerano ed oltre. Fino a quando il nero non diventa antracite e poi grigio e poi boh… come cacca di cane che impallidisce al sole. Il punto è che ogni tanto vado al centro commerciale, come le teen-ager dei telefilm americani, per comprare vestiti neri a basso costo e cosmetici dei Provenzali che sono bio e non sperimentati sulle bestiole. E se entro in un posto che è grande come dieci discount messi assieme, io mi aspetto che ci sia una scelta tale da paralizzarmi l’intelletto e galvanizzarmi la salivazione. Ecco allora che vado all’iper e decido di comprare tutte quelle cose che so che non esistono (o così credo) al discount… tipo il gomasio, la tahina, la curcuma, il cardamomo, la farina di glutine, le alge kombu, la panna vegetale al 100%, il riso rosso thai, quello integrale o quello nero tipo “Venere”. garam masala

M’infilo per esempio nella corsia delle spezie e non trovo un cazzo. Cioè… è piena e stracarica e strabordante di prodotti, che sembra possa collassare da un momento all’altro, ma il problema è che non c’è una reale scelta. C’è origano, peperoncino, dadi, sale e… ma sono gli stessi tipi, ma di marca diversa. Ed io invece voglio le spezie indiane che mi servono per fare il dahl, quella meravigliosa zuppa di lenticchie rosse che ho mangiato ad una cena indiana veg organizzata da un’associazione, in un circolo Anpi della provincia di Varese. Io voglio, qui e ora, tutti i profumi di Oriente nel mio carrello. Ma non trovo il cardamomo, non trovo il cumino, non trovo il tamarindo, non trovo un bel niente.

Tapina me, stupida-stupida Vale. Ingrata! Corri alla Lidl, corri veloce. Vola con la Panda verso il/la Lidl più vicin* e vai nel reparto spezie e compra una meravigliosa confezione di spezie Deluxe Garam Masala. Bella la confezione. Elegante. Con i semini e le bacche intere e il tappo a macinino che protegge la freschezza. Leggi -stupida Vale- gli ingredienti: semi di coriandolo (30%), pepe nero in grani (11%), aglio (10%), sale marino (10%), pimento, semi di cumino, peperoncino piccante, chiodi di garofano, cannella, zenzero, cardamomo, foglie di alloro, curcuma. Corri Vale a casa e fatti il dahl e pensa al periodo indiano dei Beatles e a quanto era bello George Harrison.

 

Spamma ovunque, dai!
The following two tabs change content below.

Valeria Disagio

Valeria nasce un lunedì di pioggia del novembre del 1982 a Varese. Diventa "Valeria Disagio" sull'orlo estremo tra l'adolescenza e l'età adulta. Ha esordito giovanissima con il romanzo "Casseur: la lotta, l'ebbrezza e la Città Giardino". Poi ha perso parecchio tempo nella precarietà del lavoro e nell'inquietudine politica. Ha scritto molti racconti, pamphlet e poesie. Ha gestito un blog - da cui è nato il libro "Discount or die" edito dalla Nottetempo - ha curato fanzine e cantato in collettivi punk. Ha intenzione di continuare a fare tutto questo.

Lascia un commento