roll

Carta asciugatutto MEGA Roll:

di cani, piccoli lord e brand col cuore grandegrande.

discount or dieCosa: Carta asciugatutto

Nome: MEGA Roll

Dove: Todis

Costo: 4,90 €

Giudizio: 5/5

Non si vive di solo discount. La specifica di questo blog recita “la sublime arte di fare la spesa al discount”. Ma anche: Scegliere tra le infinite sottomarche (sconosciute o fieramente imitative che siano) è insidioso come scrivere una poesia: o è una schifezza o è qualcosa di sublime. Non ci sono vie di mezzo. Questo blog nasce con lo scopo di condividere esperienze e creare un archivio collettivo e corale su ciò che c’è di schifoso e sublime nei discount e nell’universo delle sottomarche.

Ovvero… Legittimare e dare dignità gli ultimi, nobilitare i pariah del consumo, destrutturare la gerarchia della grande distribuzione e bla blabla. E poi sapete che bello che è andare ai concerti e vedere un bellissimo ventenne crestato con una cassa (UNA CASSA) di Wangel Brau o Spaten – con tanto di cartone e cellophane – appoggiata in mezzo ai piedi, che si gira, ti guarda, alza il pollice, fa l’occhiolino e sorride in cerca della tua approvazione? È bellissimo e commovente!

Ah, a proposito di birra. Suggerisco una pagina di Facebook che molto probabilmente, circa 25mila di voi già conosceranno. Ovvero Birre Ignoranti! Se non la conoscete, cliccataci sopra “mi piace” perché a breve è possibile che ci scatti una Santa Alleanza. Perché? Perché sì… perché siamo figli dello stesso dio sottocosto. Le Birre Ignoranti e noi dell’Armata D.O.D.

Ma – dicevo – questo blog e pagine come Birre Ignoranti sono riusciti a portare una nuova concezione di brand, persino lì, dove da sempre vigeva un certo rifiuto dogmatico del marchio e si galleggiava in una scomoda stagnazione, cercando di raggiungere (a rana) l’utopia dell’essere NO LOGO. Ed io ricordo ancora quando ero giovinastra e leggendo un’intervista a Naomi Klein che diceva: «Se compro qualcosa, stacco l’etichetta e così rinunzio a logo» ed io, basita, pensavo: «Ma è scimunita?»

Ah… i tempi sono cambiati ed io conosco persone che organizzano la Finkbrau Cup, capite?!? Nobilitare gli ultimi. Dare dignità ai pariah del Mercato…. Questa è la missione post-cristiana dell’Armata D.O.D.

Ecco dunque che mi trovo a recensire un osso duro. Ma è un po’ come se fossimo ad una festa noiosa ed un idiota decide di fare la danza del limbo. Abbassiamo il livello e alziamo la sfida.

Oggi recensirò un mega giga rotolo di carta asciugatutto da 4,90 €. L’ho comprato al Todis. Si chiama Asciugatutto MEGA Roll – Carta “Tuttofare”. Sono 200 METRI di simil-scottex dei poveri.

Rileggete l’ultima frase:  “Sono 200 METRI di simil-scottex dei poveri”

Ecco… questo è quel tipo di atteggiamento che l’Armata D.O.D deve sradicare a furia di bastonate. Perché?

Primo errore

L’aver scritto “simil-scottex” già presuppone che la carta asciugatutto Scottex sia l’originale, la unica e vera, carta asciugatutto… mentre le altre sono delle quaquaraquà. Medesima e condannabile usanza del dire Scotch per “nastro adesivo” e Borotalco per “talco e acido borico in polvere”.

Secondo errore

Aver scritto “dei poveri”. No… Non va bene. Perché un uomo od una donna che acquistano 200 metri di carta asciugatutto a 4,90 € devono essere etichettati come poveracci? Lo sapete che con lo stesso prezzo vi portate a casa solo 6 rotoli piccoli di Scottex che, se anche gli vogliamo abbuonare un paio di metri a cranio, di certo non arriveranno MAI agli estenuanti 200 metri del nostro MEGAroll del Todis. E poi diciamolo…. a cosa serve la carta asciugatutto? Io la uso per tirare su il vomito del gatto e per asciugare la lettiera dopo che l’ho lavata. O per soffiarmi il naso se mangio qualcosa di piccante e mi sgocciola. E basta, diamine.

Terzo errore

Ma l’avete vista la pubblicità della Scottex? Io non ci volevo credere. Nella prima parte si paragonano differenti tipi di carta igienica a delle razze canine (c’è chi è lungo, chi è resistente e chi è morbido…). Ed io, che forse sono malata, non posso fare a meno di immaginarmi quei cani usati da delle persone orribili, per pulirsi il culo. Per fortuna arriva il Labrador con gli occhi di biglia che è lungo, resistente e morbido!

Nella seconda parte sbuca fuori il bambino più antipatico del mondo, che pare il Piccolo Lord, e ci chiede cosa ha scoperto Newton grazie ad una mela e ci sfida a rispondere. Se rispondiamo, dice… contribuiremo a donare rotoli di carta igienica alla scuola italiana.

E a me sta cosa mi ha messo una tristezza… No, nemmeno io ho MAI avuto la fortuna di avere della carta igienica a scuola. Ho sempre scroccato fazzoletti di carta alle mie compagne. Ma cazzo… Ecco, vedere l’Andrea Casiraghi dei poveri, fare il secchione sotto anfetamine che, reclamizzando della carta da culo, ci sprona a rispondere a dei quiz per aiutare la scuola italiana, che non ha manco la carta igienica… oh, a me m’ha fatto venir voglia di piangere.

Perché qui il dare dignità agli ultimi, nobilitare i pariah e tutte quelle robe lì… con la scuola, diamine… va OLTRE. Che sia una maledettissima azienda di carta igienica a dire esplicitamente alla televisione, che la Scuola Pubblica Italiana non c’ha manco la carta igienica. Ecco… mi sa proprio di Valle di Lacrime.

Per fortuna che ho 200 metri di MEGARoll del Todis. A 4,90€ !

 

BIO Valeria Disagio

Valeria è nata a Varese nel 1982. Esordisce nel 2005 con il romanzo Casseur e partecipa a diverse raccolte di racconti. Vive nei boschi. Ha tre gatti. Lavora coll'internet. È fondatrice e curatrice del blog “Discount or Die”. / Cura una fanzine www.nihilismi.wordpress.com / Partecipa al collettivo eco-anarcho-romantic-punx Kalashnikov Collective, scrivendo cose e cantando http://kalashnikov-collective.blogspot.it/

Leggi pure...