Viktor

Viktor, la birra spuzza dell’IPER

 

Nome: VIKTOR

Classificazione: Birra chiara

Origine: Slovenia

Costo: <0,50 €

Dove: IPER

Giudizio: 0/5

Tra tutte le birre da mezzo litro sotto i 50 centesimi è senza dubbio la peggiore. Non ha sapore, non ha consistenza e non disseta neanche. La grafica inutile e il nome arrogante.

E secondo un caro amico:

“Il riferimento immediato e’ uno solo, anche se mi pare indelicato scomodare l’apparato urinario in questa sede.
Incredibile e scioccante in un contesto ordinario, la birra Viktor, con i suo 4 gradi dichiarati (che risultano pero’ depotenziati nell’atto dello sbronzarsi) e’ una tra le principali cause di pirosi gastrica nei momenti di giubilo e convivialita’(NdA l’acidazza alle feste).
I tossici sdentati la temono molto di piu’ della robba tagliata con la stricnina (almeno quella uccide e ti libera dagli assistenti sociali) mentre lei, la Viktor, ti lascia prostrato in uno stato di gonfiore assolutamente privo di ebrezza alcolica che rasenta l’incredibile.”

Spamma ovunque, dai!
The following two tabs change content below.

Valeria Disagio

Valeria nasce un lunedì di pioggia del novembre del 1982 a Varese. Diventa "Valeria Disagio" sull'orlo estremo tra l'adolescenza e l'età adulta. Ha esordito giovanissima con il romanzo "Casseur: la lotta, l'ebbrezza e la Città Giardino". Poi ha perso parecchio tempo nella precarietà del lavoro e nell'inquietudine politica. Ha scritto molti racconti, pamphlet e poesie. Ha gestito un blog - da cui è nato il libro "Discount or die" edito dalla Nottetempo - ha curato fanzine e cantato in collettivi punk. Ha intenzione di continuare a fare tutto questo.

Lascia un commento