RicoCAT: Recensione impossibile.

RicoCAT: Recensione impossibile

gattaccio

Nome: RICO Cat

Cosa: pappa per gatti

Costo: 25 cent

Dove: TODIS

Come posso recensire pappe per gatti? Non so i vostri, ma i miei gatti non parlano per esempio. Mi risulterebbe difficile chiedere il loro parere. E’ anche vero che (ovviamente) non vi voglio così bene da spingermi fino ad assaggiarle.

Però ci sono alcuni elementi da prendere in considerazione. Non bisogna necessariamente ricorrere alle papille gustative per capire se una cosa è buona o meno… Ci sono altri sensi, oltre al gusto, che possono tornarci utili…

OLFATTO

Ci sono pappe che quando le apri ti viene voglia di morire e un po’ ti senti in colpa, di dover far mangiare quella roba al tuo gatto che ami profondamente.

VISTA

Vai in cucina a bere un bicchiere d’acqua e se non guardi per terra rischi di morire. Il tuo gatto ti ha piazzato in mezzo al percorso la sua ciotola tristemente vuota. Osservala… sembra pulita dalla lavastoviglie o ci sono avanzi secchi del pasto precedente?

UDITO

Quando il tuo gatto va a fare i suoi bisognini piange disperato?

VISTA + OLFATTO + STOMACO

Quando cambi la sabbia del tuo gatto come sono gli escrementi? Neri, spigolosi e abnormi? O spiattellati, marrò e maleodoranti?

E come nei test di Cioè, in base alle risposte, ti possiamo fornire un profilo.

IL TUO GATTO MANGIA DI MERDA SE…

la sua pappa, la sua ciotola e la sua cacca puzza (e piange quando defeca).

IL TUO GATTO MANGIA BENE SE…

Riempiendo la ciotola non ti viene un conato di vomito e pensi “Mmh… che bell’aspetto”. Se il tuo gatto ti ama alla follia. Se pulisce la ciotola pure sui bordi. Se fa una bella cacca buffa e kawaii come quella di Arale.

Ora parliamo di soldi. Se vuoi far mangiare bene il tuo gatto puoi prendere le scatolette Alma Nature che sono pure biologiche, griffate e plausibili*.

*(usano solo carni bianche e pesci. Mi ha sempre fatto un po’ impressione dargli del manzo. Non so… non riesco ad immaginare quei due ciccioni panzoni dei miei gatti attaccare tipo leonessa una mucca al pascolo… Reputo invece molto più plausibile che un gatto in natura riesca a cacciare piccoli volatili o pesci, ecco… ma queste sono mie seghe mentali sul concetto di catena alimentare e robe varie. Tipo che se vendessero le scatolette al gusto topo per me sarebbe il massimo!)

Dicevo, le scatolette Alma Nature sono il top, ma con lo stesso prezzo ti compri quattro confezioni di RICO-Cat che costa solo 25 centesimi! E,  incredibile ma vero, è pure piaciuto a quei tripponi dei miei gatti. Non puzza neanche!

Dove sta il trucco?

E’ chiaro che hanno risparmiato sul packaging. Perché un gatto così brutto come quello della confezione io non l’ho mai visto.  Di sicuro l’hanno raccattato fuori dalla mensa dell’ospedale. Quei brutti gatti rognosi da vicolo che vanno a zonzo dove c’è spazzatura. Brutto lui e brutta la foto. Tipo che non avevano neanche i soldi per un programma decente di elaborazione delle immagini. …ma neanche 50 euro per un grafico junior free-lance.

D.O.D CONSIGLIA

Spamma ovunque, dai!
The following two tabs change content below.

Valeria Disagio

Valeria nasce un lunedì di pioggia del novembre del 1982 a Varese. Diventa "Valeria Disagio" sull'orlo estremo tra l'adolescenza e l'età adulta. Ha esordito giovanissima con il romanzo "Casseur: la lotta, l'ebbrezza e la Città Giardino". Poi ha perso parecchio tempo nella precarietà del lavoro e nell'inquietudine politica. Ha scritto molti racconti, pamphlet e poesie. Ha gestito un blog - da cui è nato il libro "Discount or die" edito dalla Nottetempo - ha curato fanzine e cantato in collettivi punk. Ha intenzione di continuare a fare tutto questo.

Lascia un commento