Carta igienica Gran Finale

Ogni cosa è illuminata con la carta igienica Gran Finale.

This is the way the world ends...

Nome: Gran Finale

Cosa: Carta Igienica

Dove: Penny Market

Costo: 1,99 €

Valutazione: 5 /5

La carta igienica è qualcosa su cui non mi sono mai fermata a riflettere. Non ho neanche mai ritenuta necessaria una qualsiasi forma di scelta . Serve a qualcosa di impuro e viene liquidata nello scarico del water. Punto. Compravo la più economica e non avevo nessun senso di colpa…  Stiamo parlando di pipì e pupù, dopotutto. Stiamo parlando delle funzioni meno nobili dell’organismo. Massimo rispetto, ma da qui a prendere la carta igienica coi cuoricini stampati ce ne passa.

Poi è accaduta una cosa… c’è stato un periodo della vita in cui avevo un esercito di debosciati ingrati che vegetavano sul mio divano giocando alla playstation e scroccando pasti. Una domenica qualunque, tra una partita a non so quale gioco di calcio e richieste di birra-patatine-due spaghetti?? uno di loro, il principe dei debosciati ingrati, mi dice: <<Potresti almeno comprare della carta igienica decente. Sembra carta vetrata! Mi sono scartavetrato il culo!>> Mentalmente lo maledico e verbalmente lo invito a portarsi il suo rotolo di carta igienica sofficissima, la prossima volta che verrà in casa mia a scroccare spazio sul divano, birra, corrente elettrica, ossigeno, cibo ed altro…

La cosa non è finità lì. Nel senso che a me, la mia carta igienica mica sembrava carta vetrata, ecco… Allora ho cominciato a notare un intero palinsesto di pubblicità sulla carta igienica… (prima di allora guardavo solo il cucciolo di Labrador e non notavo il contesto in cui era inserito). La pubblicità sulla carta igienica punta su tre fattori:

lunghezza

resistenza

morbidezza

E a rifletterci, osservando la folla di rotoli finiti, allineati sul davanzale della finestra del bagno, penso che sì… dei rotoli che durino più a lungo, potrebbero essere una buona cosa. Rotoli più lunghi = Meno cambi di carta igienica = Meno rifiuti… e poi diciamocelo, nessuno ha mai voglia di cambiare la carta igienica e quando vedi che sta finendo, tendi ad usarne sempre meno e a lasciare quei due fogli che servono a dire “No, non l’ho finita!!”, ma sai bene che chi verrà dopo di te, con quei due fogli non può farci un cazzo.

Sulla resistenza nulla da eccepire. Più è resistente, meno fogli usi…più a lungo dura un rotolo ecc. ecc.

La morbidezza si vabbé dai… lo ammetto… la carta igienica morbida e tenerosa non irrita il culetto in caso di evacuazioni disastrose e frequenti. Cioè, puoi passarla quante volte vuoi e non ti “scartavetrerai il culo”, citando il debosciato di cui sopra…

Però ribadisco il concetto:  stiamo parlando di carta igienica… CARTA DA CULO! Davvero vogliamo spendere 4 € per quattro rotoli di carta igienica Regina?

Il mio suggerimento è il seguente:

Andate al Penny Market e comprate la carta igienica GRAN FINALE… avrete lunghezza, resistenza, morbidezza ed un nome che è garanzia, se non di qualità come nei brand più reclamizzati, sicuramente di ironia di chi la produce! E costa pochissimo!

Che poi vabbé, ognuno ha la sua ossessione e capita a volte, di sentire la seguente frase: «Ah, no! Sulla carta igienica io non risparmio!» e allora capisci che la nostra società è destinata per forza di cose a perire. Ma non sarà per nulla un GRAN FINALE, no… come diceva il mio amico Thomas Stearn Eliot: “This is the way the world end, not with a bang, but a whimper”.
Cioè scordatevi il 2012, i Maya, scordatevi Indipendece Day, gli alieni e le catastrofi apocalittiche, il mondo finirà, con noi chiusi in un armadio a piagnucolare e a dire: «Almeno, non ho risparmiato sulla carta igienica!»

Concludo con una perla anarco-insurrezionalista…

“Votare” , dice il giovane antagonista dei centri sociali black bloc “è come pulirsi il culo con i coriandoli”.

 

Spamma ovunque, dai!
The following two tabs change content below.

Valeria Disagio

Valeria è nata a Varese nel 1982. Esordisce nel 2005 con il romanzo Casseur e partecipa a diverse raccolte di racconti. Vive nei boschi. Ha tre gatti. Lavora coll'internet. È fondatrice e curatrice del blog “Discount or Die”. Cura la fanzine NIHILISMI.

One Comment on “Carta igienica Gran Finale”

  1. Ma non avete notato la dubbia grafica? Quello spazio troppo piccolo fra la f e la i che rende carta igienica e fazzoletti non più Gran Finale ma Gran Anale?

    Un’opera d’arte.

Lascia un commento